Fiamma Drakon (fiamma_drakon) wrote,
Fiamma Drakon
fiamma_drakon

Per vendicarsi della fidanzata

Titolo: Per vendicarsi della fidanzata
Rating: Rosso
Genere: Erotico
Personaggi: Dante, Nero
Wordcount: 974 (fiumidiparole)
Prompt: 382. Il tradimento arriva in profondità @ 500themes_ita
Note: Age difference, First time, Het, Lemon, Yaoi
«F-fai più piano, cazzo...!» mugugnò a fatica, cercando di mantenere saldo il tono della voce ma con scarsi risultati.
«Oh, ma come siamo delicati...!» esclamò il più vecchio in tono di scherno mentre spingeva con ancor più foga «Mi dimentico sempre che tu sei abituato a cose più morbide» proseguì sogghignando.


Quella era la prima volta che Nero veniva inculato dal suo amante. 
Dante aveva cercato di convincerlo innumerevoli volte ad arrivare ad avere un rapporto completo, stufo di doversi accontentare di qualche preliminare e occasionalmente di un paio di pompini. Lui riusciva ad arrivare all'orgasmo ogni volta, ma lo stesso non si poteva dire del suo giovane compagno, che non pareva particolarmente interessato ad avere rapporti troppo intimi con lui. 
Quella sera, invece, era riuscito a farcela. Quando Nero si era presentato alla porta della sua agenzia, chiaramente arrabbiato, Dante gli aveva proposto immediatamente di fare l'amore per cercare di farlo calmare e stranamente si era sentito rispondete in maniera affermativa; così lo aveva preparato a dovere e poi era passato a sfogare i suoi istinti sessuali lungamente repressi. 
Nero annaspava e ansimava. Era posizionato carponi sul divano, il busto inclinato in avanti e in basso, il viso affondato nell'imbottitura inferiore e il culo nudo in aria, messo in bella mostra. 
L'erezione di Dante sbatteva vigorosa in lui e i muscoli intimi del più giovane gli inviavano continue fitte di dolore mentre venivano forzati ad accogliere qualcosa di troppo grosso per i loro standard. Nonostante il dolore, a Nero la pratica stava piacendo da impazzire, molto più di quanto avesse immaginato. 
«F-fai più piano, cazzo...!» mugugnò a fatica, cercando di mantenere saldo il tono della voce ma con scarsi risultati. 
«Oh, ma come siamo delicati...!» esclamò il più vecchio in tono di scherno mentre spingeva con ancor più foga «Mi dimentico sempre che tu sei abituato a cose più morbide» proseguì sogghignando. 
Nero distorse le labbra in una smorfia di rabbia e cercò di arrivare a dargli un calcio ma le sue gambe non ce la facevano a piegarsi di un angolo tanto innaturale. 
«Fanculo!» ringhiò a seguito di un gemito che esprimeva tutt'altro che rabbia. 
Dante rise di cuore. 
«E dove sarei adesso?» chiese fingendo un tono di voce stupido. 
Nero tacque, colto in contropiede dalla sua replica, preferendo concentrarsi sul piacere e il dolore che fluivano liberamente in lui. 
Era andato da Dante dopo aver litigato con Kyrie. Il litigio era stato piuttosto acceso stavolta e tra i due piccioncini quello che aveva perso maggiormente il controllo era stato - ovviamente - Nero. Il ragazzo, infatti, alla fine della discussione, se ne era andato sbattendosi vigorosamente la porta alle spalle ed urlando che non sarebbe più tornato; dopodiché aveva preso e se ne era andato da Fortuna per andare da Dante. 
Il viaggio non era stato particolarmente lungo, però era stato tormentato e Nero non aveva fatto altro che attizzare la sua rabbia per non cambiare idea e tornare da Kyrie. Voleva che per una volta fosse lei ad andare a cercarlo e dimostrarle quanto lo amava. 
Dante continuava a spingere e Nero continuava a resistere al meglio delle sue possibilità. Non era affatto avvezzo a sentir tremare le gambe con tanta forza né a percepire la generale sensazione di debolezza che percepiva nei confronti del suo compagno. 
Con quest'ultimo la passione era stata travolgente fin da subito, cioè quando erano riusciti ad appartarsi dopo la disfatta del Salvatore e di Sua Santità; tuttavia, l'attrazione magnetica che li aveva avvicinati non era stata sufficientemente forte da impedire a Dante di tornare a casa. Ciononostante, il più giovane non aveva perso la speranza ed aveva insistito per proseguire la loro relazione a distanza. Spesso era andato a trovarlo giustificando con Kyrie la prolungata assenza con svariate spedizioni a caccia di demoni. Non voleva lasciarla ma non voleva neanche troncare i rapporti con Dante. 
Quella volta però era diversa. Lui aveva acconsentito a fare l'amore con Dante solo per cercare di rimuovere il ricordo di Kyrie, completamente. Il tradimento forse gli avrebbe permesso di sentirsi un po' meglio dopo tutto quello che era successo, anche se non immaginava che potesse arrivare tanto in profondità. 
«Quanto ti manca ancora per venire?» sibilò Nero ansimando pesantemente. 
«Non sei ancora venuto neppure tu, ragazzo...» gli fece notare il più grande con aria di superiorità «E non dire che non vuoi perché ho visto che razza di erezione hai...». 
Il minore si accalorò per l'imbarazzo, ben sapendo quanto ciò che aveva detto avesse un fondo di solida verità. L'erezione che premeva contro l'interno delle sue cosce era una presenza quasi dolorosa. Non gli piaceva per niente. 
Se fosse arrivato all'orgasmo sarebbe senz'altro stato meglio. 
«M-muoviti... maledizione!» esclamò, chiudendo gli occhi e chinando in basso il capo. 
Dante si spinse più a fondo, incurante del dolore che avrebbe potuto - e che stava facendo - al suo compagno. 
Era vicino all'orgasmo e voleva venire in fretta. Le gambe cominciavano a fargli male. 
Quando finalmente venne, eiaculò in abbondanza all'interno del corpo del suo amante, il quale avvertendo quel liquido viscoso riempirlo completamente raggiunse a sua volta l'orgasmo. Schizzò violentemente sul divano, formando una grossa macchia bianca sul cuscino sotto di lui. 
Nero emise un ultimo verso acuto prima di espirare profondamente, ansimando per riprendere fiato. 
«Allora? Com'è andata? È stato così terribile?» volle sapere Dante. Aveva anche lui il fiato corto, pur essendo in misura molto minore rispetto a quello dell'altro. 
«A parte il dolore al culo no» rispose il più giovane con un filo di disagio nella voce «Potresti uscire adesso?!». 
Dante lo esaudì e Nero emise un sospiro di immenso sollievo. 
«Allora, che hai intenzione di fare adesso? Torni dalla tua ragazza...?» indagò il più vecchio. 
L'altro abbassò lo sguardo. 
«No» disse secco «Non voglio tornare da lei... non adesso almeno». 
Dante si alzò in piedi grattandosi la nuca, incurante della propria nudità, e cominciò a guardarsi attorno come se stesse cercando qualcosa di particolare. 
«Devo trovare delle coperte in più per stanotte. Non penso che entreremo entrambi nel letto...» rifletté a voce alta, voltandosi per andare ad ispezionare il resto della stanza «Comunque puoi rimanere quanto ti pare...» soggiunse senza voltarsi. 
Nero abbozzò un sorrisetto grato, lieto in cuor suo che Dante non lo stesse guardando in quel momento e che quindi non si fosse reso conto che era nuovamente arrossito.
Tags: fandom: devil may cry, pairing: dante/nero, pairing: nero/kyrie, rating: nsfw
Subscribe

  • Di risse, lutti e vendette

    Titolo: Di risse, lutti e vendette Rating: Arancione Genere: Generale Personaggi: Broxigar Saurfang, Dame di Ferro, Garrosh Hellscream, Liadrin,…

  • Andare oltre e continuare a vivere

    Titolo: Andare oltre e continuare a vivere Rating: Rosso Genere: Erotico Personaggi: Baine Bloodhoof, Shandris Feathermoon, Tyrande Whisperwind…

  • Conquistare, marchiare, asservire

    Titolo: Conquistare, marchiare, asservire Rating: Rosso Genere: Erotico Personaggi: Gathra (OC!Strega), Kilgore (OC!Sciamano) Wordcount: 10'239…

  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

  • 0 comments